RSS
altare-in-legno

Altare in legno

Usato per la celebrazione della SS. Messa nella stanza di Maria Domenica.

Al centro è dipinto Gesù con la corona di spine, in alto S.Teresa del Bambin Gensù, in basso un sigillo in cera con Maria sotto la Croce sul Golgota. 

Altezza cm 120 larghezza cm 70. 

Con lettera del 19 dicembre 1838, l'Ordinariato Vescovile, permise che una volta alla settimana, venisse celebrata la S. Messa nella camera dell'ammalata Maria Domenica Lazzeri, prescrivendo cinque condizioni:

  1. che venga eretto un altare "decente" compresi gli accessori necessari alla celebrazione
  2. che lo stesso sia separato con una coltre che lo separi dal resto della stanza
  3. che la S. Messa venga celebrata solo in giorni feriali
  4. che la stessa venga celebrata solo dal Primissario o dal Curato, e da nessun altro sacerdote
  5. che M.Domenica si accosti alla SS. Comuniione una volta in settimana, ma che l'Eucarestia le venga portata dalla chiesa
anello in rame

Anello in rame

Di questo oggetto parla il prelato Mons. Gastone di Segur, in visita a Capriana nel 1845 nella sua relazione.

Maria Domenica lo usava, essendo l'anello appeso sopra il suo letto, per sorreggersi nelle poche occasioni in cui cercava un attimo di sollievo cambiando posizione nel suo letto.

A questo oggetto si attribuisce un particolare intervento di protezione su un'abitazione colpita da un fulmine, e quindi ancor più degli altri custodito gelosamente.

Attualmente è di proprietà della signora Capovilla Zanol Emma. 

angeli

Angeli.

Angeli gemelli in legno dipinto. 

Si presume ornassero anch'essi i lati dell'Altare. 

altezza cm 54

angelo27

L'Angelo custode

Quadro ovale con cornice in legno dipinto in nero, raffigurante un ragazzo che cammina guidato dal suo Angelo custode

asciugamano

Asciugamano

Resti di un asciugamano in cotone ricamato in rosa. 

Come la camicia fu tagliato in pezzetti e distribuito fra i "credenti"

bambin_praga

Bambin di Praga

In un grande contenitore in legno dipinto oro, intagliato con teste d'angelo, è collocato il Bambino di Praga. 

Ha mani e faccia in cera, la veste in legno dipinto oro, i polsini, il collare, e la sottoveste in pizzo. 

Questo ricordo venne donato a M. Domenica da una signora francese, si dice che esso sia la terza copia del Bambino esistente al mondo. 

Il Bambino misura cm 42 di altezza.

Dimensioni del contenitore cm 60x30x20

calice

Calice in argento usato durante le celebrazioni della SS. Messa, nella stanza di Maria Domenica.

Altezza cm. 16 diametro cm. 7

camicia

Camicia

Resti della camicia in lino appartenuta a Maria Domenica. Di essa rimangono intatte solo le maniche ed un pezzo del girocollo, con piccoli bottoni, il resto non esiste più. E' certo che la stessa sia stata tagliata in piccoli pezzi e distribuita come reliquia ai tanti che la chiedevano con venerazione. 

Lunghezza manica cm 55

candelabri

Candelabri

Due coppie di candelabri, a due a due uguali, in legno dipinto in oro.

altezza cm 47

candelabri2

Candelabri

Due coppie di candelabri, a due a due uguali, in legno dipinto in oro.

altezza cm 47

cilicio

Cilicio

Cintura in ottone che veniva portato sulle carni per penitenza.

Appartenuto a Maria Domenica.

Lunghezza cm 30 altezza cm 5

coperta-battesimo

Coperta da battesimo

La copertina bianca e rosa che servì per avvolgere Maria Domenica nel giorno del suo battesimo.

Nelle case dei poveri, questi oggetti si passavano da madre a figli, ecco perchè questa coperta è rimasta intatta fino ai nostri giorni.

lunghezza cm 100 larghezza cm 80

coperta

Coperta

La coperta del letto di Maria Domenica, in stoffa grezza, a righe panna-caffelatte.

Lunghezza cm 260 larghezza cm 90

crocifisso

Piccolo crocifisso in legno dipinto oro, posto su piedistallo nero. Al Cristo appeso in Croce manca il braccio destro.

crocifisso1

Crocifisso

Crocifisso in legno dipinto oro. Appartenuto a Maria Domenica.

Esso ornava la sua povera stanza. Custodito ora in casa di Capovilla Luigi

crocifisso37

Crocifisso

Crocifisso in legno dipinto posto su di un piccolo piedistallo. 

Al Cristo in Croce mangano entrambe le braccia. Appartiene al Mulino ubicato in località Rù della Sega, il luogo dove lavoravano il padre ed i fratelli di Meneghina e dove lei stessa prestava il suo aiuto prima dell'avvento della sua misteriosa "malattia"

crocifisso_pieta

Crocifisso con pietà

Piccolo crocifisso in legno, ai suoi piedi una Pietà in cera.

Il tutto è collocato su di un piano d'appoggio e coperto da un cilindro di vetro. 

Forse un dono? .... o una grazia ricevuta?

effige

Dalla morte di Maria Domenica Lazzeri, in ogni casa di Capriana, era presente un ricordo visivo di quella che da tutti era considerata la "Beata Meneghina".

La sua effige veniva decorata ed abbellita in vari e fantasiosi modi, ed era poi esposta in una delle stanze della casa.

In molte case, ancora adesso, è presente e onorata come protettrice. 

effige25

Effige

Effige di Maria Domenica Lazzeri in bianco e nero, incorniciata. Da questa che è l'originale venne presa la figura per la prima "cartolina ricordo"

effige38

Effige

Disegno che rappresenta Maria Domenica Lazzeri, nel letto dove giacque durante gli anni della sua lunga e dolorosa immobilità.

A colori

 
 
Powered by Phoca Gallery
Concept, Design & Develop by GALAXY TS - PREDAZZO - info@galaxyts.it